foto_sito_festival-jazz-quartet

martedì 30 agosto, ore 21.00
Portogruaro, Piazza della Repubblica

ingresso libero

 

Hot Club Jazz
Benjamin Schmid Jazz Quartet
Benjamin Schmid violino
Diknu Schneeberger chitarra
Martin Spitzer chitarra
Joschi Schneeberger contrabbasso

 

Improvvisazioni su musiche di Stéphane Grappelli e Django Reinhardt

 

con il sostegno di

Adriatico-LSGI

 

 

 

 

 

Benjamin Schmid Jazz Quartet

„DEUTSCHE SCHALLPLATTENPREIS 2015“

“Lo Swing Jazz incontra il virtuosismo:”

il violinista Benjamin Schmid, solista classico di fama mondiale, incontra i massimi esponenti del jazz austriaco, per ricreare le magiche atmosfere musicali del leggendario “Paris Hot Club de France”, gruppo con cui tra il 1930 e 1940 Stephane Grapelli (violino) e Django Reinhardt (chitarra) scrissero una  storica pagina del jazz. Benjamin Schmid, rende così omaggio al suo mentore, Stephane Grapelli, che nel 1985 lo premiò con il “Yehudi-Menuhin Jazz price” invitandolo a continuare la sua esperienza musicale. Schmid ha trovato in Dinku Schnneberger, degno erede alla chitarra di Django Reinhardt, e il suo trio, i musicisti ideali per affrontare questo tipo di repertorio, fino a realizzare un disco che ha ottenuto grandi riconoscimenti!

 

Benjamin Schmid

È nato a Vienna ed è cresciuto a Salisburgo. Nel 1992 ha vinto la Carl Flesh Competition a Londra dove si è aggiudicato anche il Mozart, il Beethoven e l’Audience Prize. Da allora ha calcato i più grandi palcoscenici del mondo esibendosi con orchestre di chiara fama, come la Vienna Philarmonic, la Philarmonia Orchestra di Londra, la Saint Pitersburg Philarmonic e nella Sala Concerti del Concertgebouw di Amsterdam sotto la guida di direttori quali Christoph von Dohhanyi. David Zinman, Seiji Ozawa o Ingo Metzmacher. Considerato uno dei più versatili violinisti di oggi, unisce le sue qualità di solista, la straordinaria vastità del suo repertorio (esegue anche i concerti per violino di Hartmann, Gulda, Korngold, Muthspiel, Szymanowsky, Lutoslawsky e Shomberg) e la sua notevole abilità nell’improvvisazione jazzistica. Ha registrato circa 40 CD ricevendo diversi premi come il German Record Critics Award, l’Echo Klassik Award, il Gramophone Editor’s Choice e lo Strad Selection. Oltre all’attività concertistica, che prevede circa 80 concerti all’anno in tutto il mondo, è docente di violino alla Mozarteum di Salisburgo e tiene numerose masterclass a Berna in Svizzera. Nell’estate del 2006 si è aggiudicato l’International Prize for Art and Culture della Città di Salisburgo. Nel giugno 2011 è stato nuovamente solista con la con la Vienna Philarmonic Orchestra sotto la direzione di Valery Gergiev. Questo evento è stato trasmesso nelle tv di tutto il mondo ed è stato distribuito in DVD dalla Detusche Grammophone. Sono stati girati numerosi film sulla figura di Benjamin Shmid che testimoniano il suo eccezionale talento di violinista. Suona uno Stradivari del 1731.