03.09/martedì – ore 21
Portogruaro, Teatro Comunale Luigi Russolo (ingresso a pagamento)

DESTINO

Orchestra di Padova e del Veneto
Chiara Opalio/pianoforte
Daniele Giorgi/direttore

 

Ludwig van Beethoven (1770 – 1827)

Sinfonia n. 8 in fa maggiore op. 93

Concerto n. 2 in si bemolle maggiore per pianoforte e orchestra op. 19

Sinfonia n. 5 in do minore op. 67

 

Acquista il biglietto on line

 

in collaborazione con

purina_color11

 

 

——————–

OPVORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO
Costituita nell’ottobre 1966, nel corso di quarant’anni di attività si è affermata come una delle principali orchestre da camera italiane nelle più prestigiose sedi concertistiche in Italia e all’estero. L’Orchestra è formata sulla base dell’organico del sinfonismo ‘classico’. Peter Maag – il grande interprete mozartiano – ne è stato il direttore principale dal 1983 al 2001, mentre Piero Toso ne ha ricoperto il ruolo di primo violino solista dalla fondazione al 2009. Alla direzione artistica si sono succeduti Claudio Scimone (dalla fondazione al 1983), Bruno Giuranna (dal 1983 al 1992), Guido Turchi (1992-93) e, come direttore musicale, Mario Brunello (2002- 2003). L’attuale direttore artistico dell’Orchestra è Filippo Juvarra (Premio della Critica Musicale Italiana “Franco Abbiati” 2002). Nella sua lunga vita artistica l’Orchestra annovera collaborazioni con i nomi più insigni del concertismo internazionale tra i quali si ricordano S. Accardo, P. Anderszewski, M. Argerich, V. Ashkenazy, J. Barbirolli, Y. Bashmet, R. Buchbinder, M. Campanella, G. Carmignola, R. Chailly, C. Desderi, T. Dun, G. Gavazzeni, R. Goebel, N. Gutman, Z. Hamar, A. Hewitt, C. Hogwood, L. Kavakos, T. Koopman, A. Lonquich, R. Lupu, M. Maisky, V. Mullova, O. Mustonen, A.S. Mutter, M. Perahia, I. Perlman, M. Quarta, J.P. Rampal, S. Richter, M. Rostropovich, H. Shelley, J. Starker, R. Stoltzman, H. Szeryng, U. Ughi, S. Vegh, K. Zimerman. L’Orchestra è l’unica Istituzione Concertistico – Orchestrale (I.C.O.) operante nel Veneto e realizza circa 120 concerti l’anno, con una propria stagione a Padova, concerti nella regione Veneto, in Italia per le maggiori Società di concerto e Festival, e tournée all’estero. A partire dal 1987 l’Orchestra ha intrapreso una vastissima attività discografica con oltre cinquanta incisioni per le più importanti etichette, tra le quali si segnalano: i Concerti BWV 1054 e BWV 1058 di Bach e il Concerto K 503 di Mozart con S. Richter e Y. Bashmet (Teldec), i Concerti per violoncello di Boccherini con D. Geringas e B. Giuranna (Claves-Grand Prix du Disque 1989), “La Betulia liberata” di Mozart con P. Maag (Denon), l’Integrale delle Sinfonie di Beethoven con P. Maag (Arts), il Concerto K 466 di Mozart con M. Argerich e A. Rabinovitch (Teldec). Più recente è l’uscita dell’oratorio “La Passione di Gesù Cristo” di J.G. Naumann diretto da S. Balestracci (cpo) e del DVD “Homage to Amadeus” con François-Joël Thiollier, pianoforte (Multigram), mentre è di prossima pubblicazione un CD (Sony) dedicato alle musiche di G. Cambini con D. Dini Ciacci, oboe e direttore, P. Carlini, fagotto e P. Brunello, oboe. L’Orchestra è sostenuta da Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione del Veneto, Provincia di Padova, Comune di Padova e Fondazione Antonveneta. Dall’ottobre 2011 ha acquisito la natura giuridica di «Fondazione».

 

IMG_0627CHIARA OPALIO
Nata nel 1990 a Vittorio Veneto, ha iniziato lo studio del pianoforte a 3 anni e a 5 ha proseguito gli studi con il M° G. Lovato. A 16 anni si è diplomata al Conservatorio di Trieste con menzione speciale. Dal 2001 al 2012 ha studiato all’Accademia Incontri col Maestro di Imola con F. Scala, B. Petrushansky ed E. Pace, perfezionandosi anche con A. Lonquich, A. Lucchesini, Trio Altenberg Wien. Recentemente ha studiato con J. Swann all’Accademia Dino Ciani di Cortina e con L. Zilberstein all’ Accademia Chigiana. È considerata come una delle più interessanti musiciste della sua generazione. Gli ultimi appuntamenti l’hanno vista solista con l’Orchestra dell’Arena di Verona, con l’Orchestra di Padova e del Veneto e con l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. Nel 2012 ha debuttato a Roma in Sala Petrassi per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia in un concerto assieme a L. Kavakos. Si è esibita per la prima volta a 4 anni, e ha debuttato a 15 a Milano con l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali al Teatro Dal Verme. I suoi recitals l’hanno portata alla Fazioli Concert Hall, al Teatro Manzoni di Milano, Teatro Olimpico a Vicenza, Herkulessaal a Monaco, Auditorium Cariplo di Milano e per Mi-To Settembre Musica. Ha vinto numerosi premi, tra i quali la Menzione d’Onore a 9 anni al Concorso Internazionale “C. Czerny” di Praga ed il I° Premio a 16 anni al Concorso Internazionale “S. Marizza” di Trieste. Nel giugno 2011 ha vinto il 2° Premio al Concorso Internazionale “Citta di Massarosa”. Nel 2011 è risultata, unica europea tra i 6 semifinalisti, al “Clara Haskil Competition” e nel 2012 ha vinto il 1° Premio al Concorso Internazionale “Città di Padova” e il 2° Premio e Premio del pubblico al Concorso Internazionale del Friuli Venezia Giulia.  Dal 2010 suona in duo con il violoncellista Giovanni Gnocchi con il quale ha tenuto concerti in Italia e all’estero, e con il quale ha vinto come miglior duo il Premio “B. Premuda” della Scuola del Trio di  Trieste di Duino. Il Duo ha studiato con F. Rados a Vienna, A. Schiff, T. Adès ed E. Höbarth agli International Musicians Seminars di Prussia Cove in Cornovaglia, e dal 2011 regolarmente con il Trio di Parma. Dal 2012 è docente di pianoforte alla Fondazione Musicale Santa Cecilia di Portogruaro.  Dal 2013 studia all’Hochschule für Musik di Basilea con il M° Claudio Martinez Mehner.

 

giorgiDANIELE GIORGI
Direttore d’orchestra, compositore e violinista, considera una ricchezza irrinunciabile dedicarsi alla musica da varie prospettive. Nato a Firenze nel 1970, si diploma in violino con il massimo dei voti presso il Conservatorio “Luigi Cherubini” perfezionandosi in seguito all’“Accademia di Musica della Svizzera Italiana”. Dal 1999 violino di spalla dell’“ORT-Orchestra della Toscana”, nel 2003 inizia a dedicarsi alla direzione d’orchestra sotto la giuda di Piero Bellugi e Isaac Karabtchevsky ed è attualmente riconosciuto come una tra le migliori “bacchette” italiane della sua generazione per il repertorio sinfonico. Nel 2004 vince il 2° premio assoluto all’ottava edizione del “Concorso Internazionale per Direttori d’Orchestra Antonio Pedrotti” di Trento, aggiudicandosi inoltre il premio speciale del pubblico ed il premio per la migliore esecuzione del brano di musica contemporanea. Da quel momento collabora con continuità con numerose orchestre fra cui: Haydnorchester di Trento e Bolzano, Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, Orchestra Filarmonica Marchigiana, Orchestra di Padova e del Veneto, ORT-Orchestra della Toscana, Czech Chamber Philharmonic, Orchestra Bruno Maderna, Orchestra Filarmonica di Torino, Orchestra Promusica di Pistoia, Orchestra di Roma e del Lazio, Orchestra Sinfonica di Lecce Tito Schipa. Collabora con solisti come Yuri Bashmet, Kolja Blacher, Stanislav Bunin, Michele Campanella, Renaud Capuçon, Umberto Clerici, Roberto Cominati, Enrico Dindo, Ingrid Fliter, Ilya Grubert, Freddy Kempf, Karl Leister, Viktoria Mullova, Igor Oistrakh, Miklós Perényi, Boris Petrushansky, Marco Rizzi, David Russell, Viktor Tetriakov, Francois-Joel Thiollier. Dal 2004, anno in cui è stata fondata, collabora stabilmente con l’Orchestra Promusica di Pistoia ed è Direttore Principale e responsabile musicale dell’Orchestra Bruno Maderna. Nel luglio 2006 inaugura il 31° “Cantiere d’Arte” di Montepulciano, festival internazionale fondato nel 1989 da Hans Werner Henze. Nel settembre 2006 è invitato dalla “Sagra Musicale Umbra” sul podio dell’Orchestra della Toscana per la prima esecuzione italiana di “Die beiden Pedagogen” di Mendelssohn. Nel 2008 è preparatore della Symphonica d’Italia per i concerti diretti dal M° Lorin Maazel. È direttore artistico de “L’Antidoto”, rassegna di concerti della “Fondazione Pistoiese Jorio Vivarelli”.