28.08/mercoledì – ore 21
Portogruaro, Chiesa San Luigi (ingresso libero)

L’ALTRO BEETHOVEN

Trio di Parma/pianoforte/violino/violoncello
Alessandro Cortello/tenore
Simone Briatore/viola
Giovanni Gnocchi/violoncello
Emanuele Buzi/mandolino
Michele Bravin/pianoforte

 

Ludwig van Beethoven (1770 – 1827)

Duo in mi bemolle maggiore per viola e violoncello “con due occhiali obbligati” WoO 32

Canzoni popolari per voce e pianoforte con “accompagnamento di violino e violoncello”

Sonatine per mandolino e pianoforte WoO 43 e WoO 44

Trio n. 4 in si bemolle maggiore op. 11

 

consegna delle borse di studio offerte dal Lion Club di Portogruaro

lions

 

 

 

- – - – - – - – - – - - 

TrioTRIO DI PARMA
Si è costituito nel 1990 nella classe di musica da camera di Pierpaolo Maurizzi al Conservatorio “A. Boito” di Parma. Successivamente ha approfondito la sua formazione musicale con il Trio di Trieste presso la Scuola di Musica di Fiesole e l’Accademia Chigiana di Siena. Nel 2000 è stato scelto per partecipare all’Isaac Stern Chamber Music Workshop presso la Carnegie Hall di New York. Ha ottenuto i riconoscimenti più prestigiosi con le affermazioni al Concorso Internazionale “Vittorio Gui” di Firenze, al Concorso Internazionale di Musica da Camera di Melbourne, al Concorso Internazionale della ARD di Monaco ed al Concorso Internazionale di Musica da Camera di Lione. Inoltre nel 1994 l’Associazione Nazionale della Critica Musicale gli ha assegnato il “Premio Abbiati” quale miglior complesso cameristico. È stato invitato dalle più importanti musicali in Italia (Accademia di S. Cecilia di Roma, Società del Quartetto di Milano, Amici della Musica di Firenze, Gran Teatro La Fenice di Venezia) e all’estero (Filarmonica di Berlino, Carnegie Hall e Lincoln Center di New York, Wigmore Hall di Londra, Konzerthaus di Vienna, Sala Moliere di Lione, Filarmonica di S. Pietroburgo, Teatro Colon e Coliseum di Buenos Aires, Los Angeles, Washington, Amburgo, Monaco, Dublino, Varsavia, Rio de Janeiro, San Paolo, Lockenhaus Festival, Barossa e Melbourne Festival, Orta Festival). Ha collaborato con importanti musicisti quali Vladimir Delman, Carl Melles, Anton Nanut, Bruno Giuranna, Alessandro Carbonare e Eduard Brunner; ha effettuato registrazioni radiofoniche e televisive per la RAI e per numerose emittenti estere. Ha inoltre inciso le opere integrali di Brahms per l’UNICEF, di Beethoven e Ravel per la rivista Amadeus, Schostakovich per Stradivarius (premiato come miglior disco dell’anno 2008 dalla rivista Classic Voice) e Pizzetti per l’etichetta Concerto. Oltre ad un impegno didattico costante nei Conservatori di Modena, Gallarate e al Mozarteum di Salisburgo, tiene corsi alla Scuola Superiore Internazionale “Trio di Trieste” di Duino, alla Scuola di Musica di Fiesole e alle Masterclass Internazionali di Musica  Portogruaro. Ivan Rabaglia suona un Giovanni Battista Guadagnini (Piacenza, 1744) ed Enrico Bronzi un Vincenzo Panormo (Londra, 1775).

Alberto Miodini/pianoforte
Ivan Rabaglia/violino
Enrico Bronzi/violoncello

 

CortelloALESSANDRO CORTELLO
Allievo di Alfredo Mariotti, si è diplomato in canto presso il Conservatorio “Tomadini” di Udine e in pianoforte presso il “Frescobaldi” di Ferrara; attualmente è seguito nella sua preparazione da Claude Thiolas. È stato Alfredo in “Traviata” di Verdi, il Conte d’Almaviva nel “Barbiere di Siviglia” di Rossini, Ernesto nel “Don Pasquale” e Nemorino in “Elisir d’amore” di Donizetti, Pinkerton in “Madama Butterfly” e Pong in “Turandot” di Puccini. Ha cantato con P. Domingo e R. Raimondi, con la direzione di Z. Mehta, in “Rigoletto” di Verdi (2010) e ha partecipato alla “Cenerentola” di Rossini (2012), entrambe produzioni Rai. Ha ricoperto le parti solistiche di Oratori di Charpentier,  Haydn, Mozart, Mendelssohn, Schubert, Rossini, Dvorak, Verdi e Orff ed è appassionato interprete della musica vocale da camera (1° premio al Concorso “Seghizzi”, Gorizia 2007).

 

BRIATORESIMONE BRIATORE
Nato a Torino nel 1975, è diplomato in violino, viola e composizione. Si è distinto in concorsi italiani e internazionali. Grazie a una borsa di studio dell’Associazione De Sono ha seguito i corsi di Christoph Schiller presso la Musik Akademie di Basilea. Ha studiato inoltre con Bruno Giuranna, Wolfram Christ e Tabea Zimmermann. Ha partecipato a molte stagioni e festival di musica da camera, suonando con musicisti quali Marta Argerich, Alexander Lonquich, Sasha Sitkovetsky. Ha collaborato, come prima parte, con diverse orchestre in Italia e all’estero. Dal 1998 al 2009 ha ricoperto il ruolo di Prima Viola presso l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, suonando in diverse occasioni come solista (Schnittke – Concerto per viola, Berlioz – Harold en Italie, Strauss – Don Quixote). È oggi Prima Viola presso l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma.

 

GnocchiGIOVANNI GNOCCHI
Vincitore del Concorso Haydn di Vienna e laureato ai Concorsi Primavera di Praga e Janigro di Zagabria, ha debuttato come solista assieme a Yo-Yo Ma, e suonato da solista con numerose orchestre sotto la direzione di Dudamel, Hogwood, Rizzi, Despalj, Cohen, all’Hong Kong Arts Festival, Mozarteum Salzburg, Wiener Konzerthaus. Premiato in concorsi cameristico in Europa, USA e a Londra dal Borletti-Buitoni Trust (come fondatore del David Trio e del Quartetto di Cremona), ha vinto l’Audience Prize della Wigmore Hall in duo al Parkhouse Award di Londra e si è esibito presso i più importanti festival anche con musicisti quali il Quartetto Hagen, Kavakos, Lucchesini, Madzar, Mahler Chamber Soloists, Bonney, Bronzi, W. Christ… Primo Violoncello solista della Camerata Salzburg per 8 anni, è membro dal 2008 della Lucerne Festival Orchestra di Abbado. Ha studiato con Simoncini, Filippini, Brunello, Bronzi, Hagen. Invitato come Primo Violoncello dalla Philharmonia Orchestra, Münchner Philharmoniker, Orchestra Mozart, London Symphony, Sydney Symphony, nella stagione 2011-’12 è stato Guest Principal Cellist alla Royal Philharmonic Orchestra di Londra. Vincitore di concorso, nel 2013 è stato nominato Univ. Prof. di Violoncello dell’Universität Mozarteum di Salzburg.

 

BuziEMANUELE BUZI
Nipote del virtuoso M° Giuseppe Anedda, ha iniziato lo studio del mandolino con il nonno, perfezionandosi con il M° Dorina Frati. Collabora con enti lirici quali La Scala di Milano, il Teatro La Fenice di Venezia, la Fondazione Arturo Toscanini di Parma, il Teatro Massimo di Palermo ed è stato diretto da Riccardo Muti, Mstislav Rostropovich, Georges Prêtre, Wayne Marshall, Myung Whun- Chung. All’estero si è esibito in Turchia, in Albania, in Germania, in Spagna, in Portogallo e in Giappone. Con il Quintetto a Plettro Giuseppe Anedda si è esibito presso la Cappella Paolina del Quirinale a Roma. Il concerto è stato trasmesso in diretta radiofonica su Radio 3. È docente di Mandolino presso il Conservatorio “V. Bellini” di Palermo. Si esibisce con il mandolino di Giuseppe Anedda.

 

bavinMICHELE BRAVIN
Si è diplomato in Organo e Composizione Organistica, Pianoforte e Didattica della Musica. Ha studiato all’Accademia Internazionale d’Organo di Haarlem (Olanda); ha seguito corsi di interpretazione organistica con Ghielmi, Antonello, Hakim e Alain. Svolge un’intensa attività concertistica in Italia, Austria, Francia, Croazia, Olanda, Ungheria, Portogallo, suonando
tra gli altri con musicisti di fama internazionale quali Thibaud, Vernikov, Canino. È insegnante d’Organo, Pianoforte e Storia della Musica presso la Fondazione Musicale Santa Cecilia di Portogruaro dove svolge anche attività di pianista accompagnatore durante i corsi di perfezionamento invernali ed estivi. È membro della Commissione Musica Sacra della Diocesi di Concordia-Pordenone. Ha inciso per l’etichetta Rainbow Classics.