lunedì 22 luglio, Portogruaro

 

ore 10.00, Municipio (Sala Consiliare)
CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA 31° EDIZIONE DEL FESTIVAL

 

- – - – - – - – - – - – - – -

ore 21.30, Piazzetta Pescheria
(ingresso libero)

Anteprima Festival

AL CINEMA CON LUDWIG

“Amata Immortale” (1994, regia di Bernard Rose)

con Valeria Golino, Gary Oldman
Isabella Rossellini, Jeroen Krabbe

 

in collaborazione con

cinemazero

 

 

 

- – - – - – - – - – - – - – -

amata

Morto a Vienna il 26 marzo 1827 Ludwig Van Beethoven, nella casa di questi il suo amico e amministratore Anton Schindler scopre, in una caterva di carte da musica, appunti e abbozzi, uno strano foglietto: “La mia musica e tutte le mie proprietà andranno ad un solo erede… la mia amata immortale” (ma senza il nome della destinataria). Respingendo le pretese ereditarie di Johann, uno dei fratelli di Ludwig, e di Therese, la moglie di questi, e sorpreso di non sapere nulla in merito dopo anni di amicizia e collaborazione, Schindler si mette alla ricerca della donna misteriosa. La prima contattata è una nobile ungherese – Anna Marie Erdody – che Schindler ritrova in Patria: costei aveva avuto con Ludwig rapporti intensi, ma essa stessa dichiara che tutto era poi finito e che la eredità non può essere per lei. La seconda è la contessa Giulia Guicciardi, ora sposata, a suo tempo (a 17 anni) infatuatasi di Ludwig conosciuto ad un concerto e fatto assumere dal padre per averne lezioni di pianoforte. A detta di lei, è vero che Beethoven ebbe a richiederne la mano, ma fra i due – forse per la differenza di classe, o perchè lui, secondo il conte Guicciardi, era da considerare un repubblicano – l’amore si tramutò in amicizia. Poi le indagini conducono Schindler a Karlsbaad…