MARTEDÌ 3 SETTEMBRE

ore 21.00, Biverone di San Stino di Livenza, Villa Correr Agazzi

QUARTETTO EILAT

Musiche di Beethoven e Verdi

ore 21.00, Giussago di Portogruaro, Chiesa Parrocchiale

CONCERTO DEGLI STUDENTI DELLE MASTERCLASS

Enrico Rizzo, Emilio Pavanello: pianoforte

entrambi gli appuntamenti sono a ingresso libero

Martedì 3 settembre un doppio appuntamento serale per il Festival Internazionale di Musica di Portogruaro:  alle 21, a Villa Correr Agazzi (Biverone di San Stino di Livenza) è protagonista il Quartetto Eilat con musiche di Beethoven e Verdi. Allo stesso orario, a Giussago di Portogruaro alla Chiesa Parrocchiale, Enrico Rizzo e Emilio Pavanello propongono un recital pianistico nell’ambito dei concerti degli Studenti delle Masterclass.Il Quartetto Eilat è formato da quattro giovani musiciste che si sono incontrate nell’Orchestra del Teatro La Fenice e hanno sviluppato insieme la loro passione e il loro talento per la musica da camera. Composto da Simona Cappabianca, Margherita Miramonti ai violini, Margherita Fanton alla viola e Enrico Graziani al violoncello, a Portogruaro propone come primo brano il Quartetto per archi n. 8 in mi minore, op. 59 n. 2 di Ludwig van Beethoven,  composto nei primi anni dell’Ottocento, insieme ad altri due quartetti, su commissione di Andrej Razumovskij, ambasciatore russo a Vienna. Già dai primi approcci con la cameristica, come questi quartetti, Beethoven testimonia come la musica da camera sia per la sua poetica un gratificante e illuminato banco di prova stilistico e tecnico.

A seguire il Quartetto in mi minore di Giuseppe Verdi, unica pagina del compositore di Busseto per questo organico. L’operista per eccellenza dimostra come genio e tecnica non abbiano confini di genere: questo quartetto è prova di delicato equilibrio e ottima ricerca musicale.

I due pianisti allievi delle Masterclass, Enrico Rizzo ed Emilio Pavanello propongono a Giussago un programma di grande intraprendenza: Schumann, Liszt e Chopin i nomi in cartellone per la serata. Dalle contraddizioni musicali (e non solo) di Schumann, al virtuosismo spiccato e tutto esteriorizzato di Liszt,  fino allo slancio limpido ed impetuoso delle Ballate e delle Sonate di Chopin, il programma è un piacevole excursus attraverso il pieno romanticismo pianistico europeo.

Entrambi i concerti sono a ingresso libero.
Il Festival internazionale di musica di Portogruaro è realizzato in collaborazione con Città di Portogruaro, Città metropolitana di Venezia, Regione Veneto, grazie al contributo dei main sponsor Santa Margherita – Gruppo Vinicolo, Adriatico2 e Intrapresa srl, da anni vicini al Festival e che con il loro fondamentale apporto permettono la realizzazione della manifestazione, assieme agli altri sponsor Generali – Agenzia di Portogruaro San Nicolò, LTA Livenza Tagliamento Acque, Asvo (insieme per l’ambiente), Alysen, Iop Group e agli sponsor tecnici Fondazione Collegio Marconi, Fazioli Pianoforti, FAI – Fondo Ambiente Italiano e ai numerosi altri sostenitori, privati e imprese, che anche quest’anno partecipano alla crescita della manifestazione.