Venerdì 23 agosto
ore 21.00 – Concordia Sagittaria, Area Archeologica,
Basilica Paleocristiana
LABORATORIO DI MUSICA DA CAMERA (Luca Vignali)
un excursus tra le più celebri pagine operistiche per un ensemble di soli fiati

sempre alle ore 21.00 – Settimo di Cinto Caomaggiore,
Chiesa San Giovanni Battista
ENSEMBLE DI VIOLONCELLI (Stefano Cerrato)
una vera sfida per un ensemble di soli violoncelli, dal repertorio Sei-Settecentesco agli autori contemporanei.

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero

 

Venerdì 23 agosto il doppio appuntamento del Festival Internazionale di Musica di Portogruaro è all’insegna dei preziosi risultati dei percorsi di studio che da sempre sono la linfa vitale del Festival e il fondamento dell’attività della Fondazione Musicale Santa Cecilia di Portogruaro, organizzatrice dell’evento.

Nell’Area Archeologica di Concordia Sagittaria, e più precisamente nella Basilica Paleocristiana – location dal fascino emozionante – alle 21 (ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili) si esibiscono gli strumentisti del Laboratorio di musica da camera di Luca Vignali, qui in veste di maestro concertatore, oltre che di oboista. Docente e concertista di grande livello, Vignali è il primo oboe del Teatro dell’Opera di Roma e ha suonato e suona con le migliori orchestre sinfoniche e operistiche in Italia e all’estero.

Al suo fianco a Portogruaro sono Petra Lechtova Scarpa al flauto; Gabriele Colombo e Pietro Savonitto all’oboe; Francesco Cristante e Giacomo Cozzi al clarinetto, Filippo Tramontana e Lorenzo Valentini al corno; Manuel Merlani e Luca Dal Cortivo al fagotto.

L’organico di soli fiati si diverte con la particolare timbrica rileggendo – tra Poutpourri, Fantasie e trascrizioni ad hoc – alcune celeberrime pagine dell’opera lirica dal repertorio di Giuseppe Verdi (Traviata, Trovatore, Giovanna d’Arco, La Forza del destino, Un ballo in maschera, Aida), Pietro Mascagni (Cavalleria Rusticana) e una Fantasia di Giovanni Daelli da Rigoletto.

 

Sempre alle 21, a Settimo di Cinto Caomaggiore nella Chiesa San Giovanni Battista (ingresso libero) sale sul palcoscenico l’Ensemble di Violoncelli curato da Stefano Cerrato, in veste di maestro concertatore oltre che di solista al violoncello.

Alessandro Brutti, Simone Ceppetelli, Benedetta Giolo, Sara Merlini, Emanuele Rigamonti, Matteo Vercelloni, Vittorio Zelocchi sono i giovani violoncellisti che con Cerrato si cimentano in un impervio e insieme profondo viaggio dal Cinque-Seicento di Giovanni Maria Nanino, Dowland e Rameau, al grande Johann Sebastian Bach fino ai moderni Benjamin Britten e Pierre Petit.

Stefano Cerrato, già conosciuto al Festival nell’organico dell’Ensemble Armoniosa, è stato primo violoncello con le migliori orchestre italiane ed è apprezzato didatta.

 

Per la particolare valenza formativa di questi appuntamenti, per la prima volta quest’anno è possibile anche assistere alle sessioni di prova degli ensemble da camera: per informazioni sugli orari e i luoghi è possibile chiedere agli uffici della Fondazione Musicale Santa Cecilia.

 

Il Festival internazionale di musica di Portogruaro è realizzato in collaborazione con Città di Portogruaro, Città metropolitana di Venezia, Regione Veneto, grazie al contributo dei main sponsor Santa Margherita – Gruppo Vinicolo, Adriatico2 e Intrapresa srl, da anni vicini al Festival e che con il loro fondamentale apporto permettono la realizzazione della manifestazione, assieme agli altri sponsor Generali – Agenzia di Portogruaro San Nicolò, LTA Livenza Tagliamento Acque, Asvo (insieme per l’ambiente), Alysen, Iop Group e agli sponsor tecnici Fondazione Collegio Marconi, Fazioli Pianoforti, FAI – Fondo Ambiente Italiano e ai numerosi altri sostenitori, privati e imprese, che anche quest’anno partecipano alla crescita della manifestazione.