tito-livio

Giovedì 17 ottobre mattina: lectio magistralis al liceo “Tito Livio” di Padova;

ore 18: concerto all’Auditorium Pollini del Conservatorio di Padova.

 

Aprire le porte di un prestigioso liceo classico, per permettere a una materia importante come la musica – ancora oggi esclusa dal piano disciplinare – di entrare e di arricchire il percorso formativo degli studenti. 

È il progetto musicale condiviso dal liceo classico “Tito Livio” di Padova e dalla Fondazione Musicale Santa Cecilia di Portogruaro, previsto per il 17 ottobre

Nella mattinata, in orario scolastico, Enrico Bronzi – direttore artistico del Festival Internazionale di Musica di Portogruaro – e Filippo Gamba – pianista e docente della Scuola di Perfezionamento di Portogruaro – tengono una lectio magistralis nell’Aula Magna del Liceo “Tito Livio” per stimolare l’interesse critico degli studenti nei confronti delle fasi compositive di Ludwig van Beethoven e del contesto storico-culturale in cui operò. La lezione riprende la tematica del 31esimo Festival di Portogruaro appena conclusosi, presentando con esempi musicali dal vivo alcuni brani del compositore. L’obiettivo è quello di sensibilizzare gli studenti all’ascolto della musica classica e arricchire la loro formazione a tutto tondo, compresa l’educazione e la cultura musicale.

La dirigente scolastica del liceo classico, prof.ssa Albina Aurora Scala, è orgogliosa di aver proposto l’iniziativa musicale – coniugando, come da tradizione dell’istituto, la formazione scolastica con l’accoglienza di proposte culturali di alto livello, quale è il progetto musicale in collaborazione con la Fondazione Musicale Santa Cecilia di Portogruaro.
A coronamento del percorso didattico, gli studenti partecipano a un concerto – aperto al pubblico – alle ore 18 presso l’Auditorium Pollini del Conservatorio di Padova. Enrico Bronzi al violoncello e Filippo Gamba al pianoforte propongono tre sonate beethoveniane: la Sonata n. 1 in fa maggiore  op. 5 n. 1, la Sonata n. 3 in la maggiore op.69 e la Sonata n. 5 in re maggiore op.102 n. 2.