180903_loc_Municipio

ore 18.00 – Sala Colonne del Municipio di Portogruaro
”LA PITTURA SUONA”
Mostra d’arte

ore 21.00 – Sala Consiliare del Municipio di Portogruaro
TRIO KANON
Diego Maccagnola, Lena Yokoyama e Alessandro Copia
con due brani in prima esecuzione assoluta e il Trio di Ravel

Arte e musica si intrecceranno, lunedì 3 settembre, nel programma di Illuminazioni, 36a edizione del Festival Internazionale di Musica di Portogruaro, organizzato dalla Fondazione Musicale Santa Cecilia.

Dalle ore 18.00, nella Sala Colonne del Municipio di Portogruaro, sarà esposta la Mostra d’Arte ”La pittura suona”, degli artisti Giovanni Cesca e Giorgia Scioratto. Ispirandosi a due degli autori in programma nel concerto serale (Colla e Pagotto), gli artisti hanno tratteggiato le loro tele dando visibilità, tramite un processo creativo inconsueto, alle trame astratte e intangibili che solo il linguaggio musicale è in grado di esprimere. L’esposizione è quindi parte integrante del progetto su cui si basa la serata musicale.

Serata che avrà inizio alle ore 21 nella sala Consiliare del Municipio di Portogruaro, e vedrà l’esibizione del Trio Kanon (Diego Maccagnola al pianoforte, Lena Yokoyama al violino e Alessandro Copia al violoncello).
Il Trio Kanon (il cui nome, composto dalle due parole giapponesi ”Ka” (fiori) e ”On” (musica), significa letteralmente ”musica floreale”), nasce nel 2012 dall’amicizia di tre musicisti, Lena, Diego
e Alessandro, che hanno deciso di condividere la loro passione per la musica da camera studiando sotto la guida del Trio di Parma all’International Chamber Music di Duino. Lungo l’elenco dei
premi al loro attivo.
Il programma proposto per ”Illuminazioni” si aprirà con un brano, in prima esecuzione assoluta, scritto appositamente per il Trio da Mario Pagotto, docente della Fondazione Musicale Santa Cecilia. Il titolo, Meridiane, si rifà a dieci iscrizioni latine annotate sulle meridiane ”collezionate” dall’autore nel corso degli anni, alle quali i brani si ispirano.
A seguire, un’altra ”prima” assoluta, Humanity di Alberto Colla, ispirata alla classificazione empirica di La Senne, la quale paradossalmente dimostra come sia impossibile catalogare i caratteri umani. La composizione si divide senza soluzione di continuità in dieci parti. Una musica che dal trasporto del primo incontro si tramuta in un ultimo tocco, talvolta inconsapevole, altre liberatorio o di puro dolore, divenendo ricca di struggente poesia, dolcezza, abbandono e lontananza.
A chiudere la serata sarà invece un classico, il Trio di Ravel, in cui il compositore concretizza uno dei suoi intenti principali, la fusione del suono tra gli archi e il pianoforte. Nelle sue intenzioni, il Trio doveva essere una sorta di compimento sonoro dell’agognato esprit de geomètriè, ma gli incisi del movimento, traendo spunto dalla stessa successione iniziale (mi-re-mi) divengono presto un’ossessione morbosa, a significare che l’aritmetica applicata alle battute non riesce a domare tutti gli elementi percepiti a livello psicologico.
Il Festival internazionale di musica di Portogruaro è realizzato in collaborazione con Città di Portogruaro, Città metropolitana di Venezia, Regione Veneto, Teatro Comunale Russolo e grazie al
contributo dei main sponsor Santa Margherita – Gruppo Vinicolo, da anni vicina al Festival e che con il suo fondamentale contributo permette la realizzazione di questa manifestazione, Fondazione di Venezia, Fondazione Santo Stefano Onlus, Adriatico 2, Intrapresa srl e di altri numerosi sponsor e sostenitori privati.