Giovedì 3 settembre un gradito ritorno per il Festival Internazionale di Musica di Portogruaro: al Teatro Russolo, alle 21, sale sul palcoscenico il Quartetto Prometeo, applauditissimo lo scorso anno anche a seguito della trasmissione del loro concerto portogruarese per le frequenze di Rai Radio Tre. In questa edizione l’ensemble affronta impegnative pagine di Antonin Dvořák e Dmitri Šostakovič, affiancato anche dal pianista triestino Lorenzo Cossi.

Il Quartetto Prometeo è composto da Giulio Rovighi e Aldo Campagnari al violino, Danusha Waskiewicz alla viola e Francesco Dillon al violoncello. Il Prague Spring International Music Competition, il Premio Speciale Bärenreiter (per le esecuzioni filologiche), il Premio Città di Praga, il Premio Pro Harmonia Mundi e il premio Thomas Infeld della Internationale Sommer Akademie Prag-Wien-Budapest per le “straordinarie capacità interpretative per una composizione del repertorio cameristico per archi”: questi solo alcuni dei riconoscimenti ottenuti dal Prometeo.

Considerato ideale erede del Quartetto Italiano, ha suonato, tra gli altri, al Concertgebouw di Amsterdam, Musikverein, Wigmore Hall, Aldeburgh Festival, Santa Cecilia di Roma, Società del Quartetto di Milano, e collabora con musicisti quali Mario Brunello, David Geringas, Veronika Hagen, Alexander Lonquich, Enrico Pace, Enrico Bronzi. Ha inciso per Ecm, Sony e Brilliant e dal 2013 è “quartetto in residence” all’Accademia Chigiana.

Al fianco del Prometeo sale il pianista triestino Lorenzo Cossi, che tra le sue collaborazioni vanta l’Orchestra Filarmonica del Lussemburgo, Solisti Veneti, Orchestra Haydn di Trento e Bolzano, Calgary Philharmonic Orchestra, Orchestra di Padova e del Veneto. Come camerista ha suonato con Johannes Moser, Amanda Roocroft, Walter Auer e suona stabilmente in duo con la violoncellista Marianna Sinagra e il clarinettista Massimiliano Miani.

Proprio nella prima parte della serata Cossi sarà sul palcoscenico insieme al Prometeo per il Quintetto con pianoforte n. 1 in la maggiore op. 5 di Antonin Dvořák: scritto agli inizi degli anni ottanta dell’Ottocento, porta con sé un sapore tardo romantico vibrante incastonato in un assetto formale limpido e solido. Il grande pathos si amplifica nel primo movimento che scivola in un Andante sostenuto dai toni più scuri per convertirsi alla gioia del movimento finale.

Il Quartetto per archi n. 3 in fa maggiore op. 73 di Šostakovič fu scritto dopo la sua Nona Sinfonia, nel 1946. Il difficile rapporto con il clima ostile e repressivo della sua patria in quel momento si riflette con grande spessore sulla musica di questo periodo e di questa stessa pagina (il Quartetto fu tra l’altro presto censurato dalle autorità). La scrittura è molto impegnativa per ciascuno strumento, e i singoli movimenti erano stati inizialmente descritti attraverso paragoni e scene di guerra: subito dopo la prima esecuzione, queste diciture sono però state ritirate dallo stesso autore, e mai più apparse.

Per prenotare o acquistare il biglietto, la Biglietteria rimane aperta nei giorni di spettacolo dalle ore 18.00 alle ore 21.00.

Il ritiro dei biglietti dei prossimi concerti è così organizzato: per i concerti di 8, 10, 12, 14, 17 settembre la biglietteria sarà aperta nei giorni di spettacolo dalle ore 18.00 alle ore 21.00 (acquisto e prenotazione); per l’11 settembre è possibile la prenotazione tramite email all’indirizzo biglietteria@festivalportogruaro.it o chiamando il numero 0421 270069 tutti i giorni dalle ore 11.00 alle ore 12.30. I biglietti si ritirano la sera dello spettacolo a partire dalle ore 20.00; per i concerti in Sala Consiliare a Portogruaro si consiglia la prenotazione tramite email all’indirizzo biglietteria@festivalportogruaro.it o chiamando il numero 0421 270069 tutti i giorni dalle ore 11.00 alle ore 12.30.

Portogruaro – Festival Internazionale di Musica è realizzato in collaborazione con Città di Portogruaro, Città metropolitana di Venezia, Regione Veneto, Teatro Comunale Luigi Russolo di Portogruaro; e grazie al contributo dei main sponsor Santa Margherita – Gruppo Vinicolo da anni vicina al Festival e Adriatico2; degli sponsor Generali – Agenzia di Portogruaro San Nicolò, LTA Livenza Tagliamento Acque, Asvo (insieme per l’ambiente), Alysen; e degli sponsor tecnici: Fondazione Collegio Marconi, Fazioli Pianoforti, FAI Delegazione di Portogruaro, Accademia Organistica Udinese e di numerosi altri sostenitori, anche privati, che hanno dato il loro apporto per la costante crescita della manifestazione.