opalio

Martedì 3 settembre al Festival di Portogruaro


“È una pagina fresca, brillante, divertente sia da studiare sia da eseguire”. Con queste parole la pianista veneta Chiara Opalio descrive il Secondo concerto per pianoforte e orchestra di Beethoven, che esegue martedì 3 settembre alle 21 al Teatro “Luigi Russolo” di Portogruaro, per il Festival Internazionale di Musica della città. “In quest’opera, che affronto per la prima volta – prosegue la Opalio – il compositore tiene ben presente il modello mozartiano, e non arriva ancora ad aprirsi verso quella grandiosità romantica che caratterizzerà i suoi ultimi concerti. Ma la brillantezza tecnica e il fraseggio melodico di stampo vocale rivelano un Beethoven estroverso e molto piacevole all’ascolto”.

“Quando ho saputo di questo concerto mi sono messa alla ricerca di particolari esecutivi e stilistici che potessero rendere quest’evento unico per me e per chi verrà ad ascoltarmi. Ho vissuto molti anni a Imola ma ho sempre pensato che prima o poi sarei tornata a vivere in Veneto, dove sono nata. Da qualche anno mi sono trasferita proprio a Portogruaro, e suonare per il suo Festival Internazionale di Musica è un’esperienza davvero entusiasmante”.

La carriera pianistica di Chiara Opalio l’ha portata a suonare alla Herkulessaal di Monaco di Baviera, al Teatro Manzoni di Milano e alla Sala Petrassi di Roma per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Nel suo futuro c’è la Musik Akademie di Basilea, dove a partire da settembre continuerà a formarsi con il Maestro Claudio Martinez Mehner.

Il programma del concerto è completato dall’Ottava e dalla celeberrima Quinta Sinfonia di Beethoven, eseguite dall’Orchestra di Padova e del Veneto diretta da Daniele Giorgi.

I biglietti, da 4 ai 15 euro, possono essere acquistati anche la sera stessa dello spettacolo, a partire dalle ore 17.00.