180831-img-eventi-festival[san donà]VENERDÌ 31 AGOSTO, ORE 21.00

Teatro Astra, San Donà di Piave

 

SCHUMANN ABEND

Guglielmo Pellarin, corno
Simone Briatore, viola
Enrico Bronzi, Luca Magariello, violoncelli
Cecilia Novarino, Francesca Sperandeo, pianoforti

 

-Fantasiestücke, per violoncello e pianoforte op.73
-Adagio e Allegro per corno e pianoforte in la bemolle maggiore op. 70
-Märchenbilder per viola e pianoforte op. 113
-Fünf Stücke im Volkston per violoncello e pianoforte op. 10
-Andante und Variationen per due pianoforti, 2 violoncelli e corno op. 46

 

ingresso libero
_______________________________________

PellarinGUGLIELMO PELLARIN 
Primo corno dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, è cresciuto in una famiglia di musicisti.
Frequentemente ospite di festival e stagioni concertistiche, tra le varie collaborazioni si segnalano quelle con A. Allegrini, A. Oliva, F. Di Rosa, A. Carbonare, A. Zucco, F. Lovato, D. Nordio, M. Devia, A. Lonquich, Trio di Parma, Ex Novo Ensemble e Rome Chamber Music Festival.
Con Federico Lovato ha registrato per l’etichetta Audite “French Music for horn and piano” – monografia dedicata alla musica francese per corno e pianoforte. In trio con Francesco e Federico Lovato fonda l’Opter Ensemble.
È docente di corno presso i corsi “I Fiati” dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e presso il Conservatorio C. Pollini di Padova.

 

 

 

BriatoreSIMONE BRIATORE
Nato a Torino nel 1975, è diplomato in violino, viola e composizione. Si è distinto in concorsi italiani e internazionali. Grazie a una borsa di studio dell’Associazione De Sono ha seguito i corsi di Christoph Schiller presso la Musik Akademie di Basilea. Ha studiato inoltre con Bruno Giuranna, Wolfram Christ e Tabea Zimmermann. Ha partecipato a molte stagioni e festival di musica da camera, suonando con musicisti quali Marta Argerich, Alexander Lonquich, Sasha Sitkovetsky. Ha collaborato, come prima parte, con diverse orchestre in Italia e all’estero. Dal 1998 al 2009 ha ricoperto il ruolo di Prima Viola presso l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, suonando in diverse occasioni come solista (Schnittke – Concerto per viola, Berlioz – Harold en Italie, Strauss – Don Quixote). È oggi Prima Viola presso l’Orchestra dell’Accademia Nazionale.

 

 

 

BronziENRICO BRONZI 
Violoncellista e direttore d’orchestra, è nato a Parma nel 1973. Fondatore del Trio di Parma nel 1990, ha suonato nelle più importanti sale da concerto d’Europa, USA, Sud America ed Australia (Carnegie Hall e Lincoln Center di New York, Filarmonica di Berlino, Konzerthaus di Vienna, Mozarteum di Salisburgo, Filarmonica di Colonia, Herkulessaal di Monaco, Filarmonica di San Pietroburgo, Wigmore Hall e Queen Elizabeth Hall di Londra, Teatro Colon di Buenos Aires). Con tale formazione si è imposto nei concorsi internazionali di Firenze, Melbourne, Lione e Monaco di Baviera, ricevendo peraltro il “Premio Abbiati” della critica musicale italiana. Dal 2001, in seguito alle affermazioni al “Concorso Rostropovich” di Parigi e al “Paulo Cello Competition” di Helsinki, dove riceve anche il Premio per la migliore esecuzione del Concerto di Dvořák con la Filarmonica di Helsinki, inizia una intensa attività solistica.
Partecipa regolarmente a numerosi festival, tra cui: Lucerna, Kronberg, Schubertiade Schwarzenberg, Melbourne, Turku, Naantali, Stresa, Ravenna, Lockenhaus. La sua attività l’ha portato a collaborare con grandi artisti come Martha Argerich, Alexander Lonquich, Gidon Kremer, e complessi quali Quartetto Hagen, Kremerata Baltica e Giardino Armonico. Ha suonato come solista sotto la guida di C. Abbado, C. Eschenbach, P. Berglund, F. Bruggen, K. Penderecki, Tan Dun, R. Goebel. Ha seguito le lezioni di direzione d’orchestra di Jorma Panula ed è direttore ospite di numerosi complessi italiani e stranieri, tra cui Orchestra Mozart (su invito di Claudio Abbado), Orchestra di Padova e del Veneto, Virtuosi Italiani, Filarmonica Marchigiana, Sinfonica della Val d’Aosta, Sinfonica Abruzzese e Camerata Salzburg. Dal 2007 è professore all’Universität Mozarteum di Salisburgo e direttore artistico del Festival Internazionale di Musica di Portogruaro. Tra le sue registrazioni discografiche, oltre alla vasta produzione col Trio di Parma, vi sono tutti i concerti di Boccherini (Brilliant Classics), i concerti di C.Ph.E. Bach (Amadeus), un disco monografico su Nino Rota, le Sonate di Geminiani (Concerto) e l’integrale delle Suites di Bach (Fregoli Music) che è stata al secondo posto della top ten degli album di musica classica di iTunes Music Store. Suona un violoncello Vincenzo Panormo del 1775.

 

Duo Magariello-NovarinoDUO MAGARIELLO – NOVARINO 
Il Duo torinese formato da Cecilia Novarino e Luca Magariello si costituisce nel 2005.
I due musicisti, diplomati entrambi con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio “G. Verdi” di Torino, dopo esperienze di specializzazione individuali si sono perfezionati con il Trio di Parma presso l’Accademia del Trio di Trieste di Duino (TS), dove hanno conseguito il diploma di merito.
Si sono esibiti per i maggiori enti concertistici quali, MITOsettembremusica, Unione Musicale di Torino, Festival di Musica da Camera di Cervo, per citarne alcuni, raccogliendo ovunque consensi di pubblico e critica. Sono stati inoltre invitati ad esibirsi presso l’Ambasciata italiana a Yerevan, l’Università di Lubiana, la Houlencourt Concert Hall di Bruxelles, in Croazia e Romania.
Luca Magariello si avvale della duplice veste di solista e leader orchestrale, ruolo che non solo ricopre stabilmente nell’Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia, ma anche su regolari inviti della Camerata Salzburg e del Teatro San Carlo di Napoli. Uniti nella musica e nella vita, Cecilia Novarino e Luca Magariello costituiscono un duo artisticamente completo e affiatato in grado di affrontare ogni tipo di repertorio cameristico. Particolarmente incentrato sul periodo classico e romantico, il repertorio del  duo spazia dalle sonate antiche (Canavasso, Locatelli, Valentini) agli ultimi anni del ’900, con un occhio di riguardo a compositori italiani come Martucci, Fuga e Casella.

 

 

 

SperandeoFRANCESCA SPERANDEO 
Ha compiuto gli studi musicali presso la Fondazione Musicale Santa Cecilia di Portogruaro, sotto la guida del M° Lucrezia De Vecchi, diplomandosi brillantemente al Conservatorio “Pollini” di Padova all’età di 19 anni; ha seguito corsi di perfezionamento pianistico tenuti dai Maestri G. Lovato e K. Bogino e corsi di musica da camera con i maestri A. Specchi, B. Baraz, con il Trio di Parma e il Trio di Trieste presso Scuola del “Trio di Trieste” del Collegio del Mondo Unito di Duino. È stata la pianista accompagnatrice della classe di violoncello della Internationale Sommerakademie – Universität Mozarteum di Salisburgo. È la pianista del Trio Operacento.